Dieta Atkins

Dieta Atkins funziona per dimagrire? Schema e menù di esempio

Dopo un’estate di bagordi o un Natale passato tra dolci e panettoni, il pensiero è solo uno: perdere peso. Ci si mette subito alla ricerca di diete spesso basate su digiuni estremi, senza pensare alle conseguenze del regime dietetico scelto. È sempre importante affidarsi a diete ideate da esperti nutrizionisti o medici che mettono le loro conoscenze a servizio di coloro che vogliono bruciare i chili in eccesso.

Migliori dimagranti in offerta

OffertaBestseller No. 1
Brucia Grassi Potenti Veloci. Drenante forte Dimagrante con Garcinia, L-Tirosina, Spirulina e Piperina. Termogenico 60 capsule keto per dimagrire. Accelera il Metabolismo, favorisce la Perdita Peso.
  • BRUCIA GRASSI POTENTI VELOCI: Hello Fat è un potente brucia grassi naturale che aiuta a perdere peso. Contrasta la fame nervosa e accelera il metabolismo, favorendo l'effetto bruciagrassi. Aiuta a normalizzare i livelli di glucosio, contrasta l’accumulo e la produzione di grassi
  • DIMAGRANTE FORTE E VELOCE DONNA: GARCINIA CAMBOGIA e ARANCIO AMARO sono due potenti termogenici naturali. Aumentano l’uso dei grassi come fonte di energia e stimolano l’organismo a bruciare più calorie del necessario. Risultati visibili nelle zone più critiche dell’adipe, pancia piatta
  • INTEGRATORI PER DIMAGRIRE: la Garcinia Cambogia è in grado di calibrare il livello di Serotonina, l’ormone incaricato della sensazione di sazietà e contrasta la fame nervosa; La SPIRULINA invece, è ricca di proteine, vitamine e minerali che forniscono la giusta energia per spegnere il senso di fame
Bestseller No. 2
Boost Nutrition Brucia Grassi Potenti Veloci, Drenante Forte Dimagrante Efficace, 120 Capsule per Dimagrire Velocemente Donna e Uomo con Glucomannano, Carnitina, Bromelina, Te' Verde - Made in Italy
  • Programma perdita di peso di 1 mese: Programma brucia grassi di 1 mese: 120 pillole di alta qualità made in Italy progettate per sostenere le diete ipocaloriche.

La dieta Atkins è figlia del cardiologo Robert Atkins che, tra gli anni 60 e 70, ha messo a punto questo regime alimentare con lo scopo iniziale di fornire aiuto a coloro che soffrono di diabete mellito. Solo successivamente si è notato l’efficacia di questa dieta anche nella perdita di peso: regolarizzare i livelli di insulina nel sangue significa infatti rendere l’organismo una vera e propria macchina brucia grassi. In poco tempo dunque la dieta Atkins ha riscosso consensi a livello internazionale, promettendo di perdere fino a 6kg al mese.

Le quattro fasi della Atkins

La Atkins è una dieta a basso contenuto di carboidrati e iperproteica dove i carboidrati sono considerati i primi responsabili dell’accumulo dell’adipe, con effetti negativi sul metabolismo e dunque sulla salute.
La dieta Atkins consta di quattro fasi:

• La prima fase di Induzione deve durare almeno un paio di settimane e può portare a perdere fino a 400gr al giorno perché l’organismo si ritrova a bruciare grassi più velocemente. La quantità di carboidrati concessa non deve superare i 20gr: questo macronutriente può provenire solo dalle verdure a basso indice glicemico come cavolfiore, zucchine, pomodori, finocchi e lattuga. Sono infatti vietati riso, pane, pasta, cereali, dolci, bibite zuccherate, frutti e verdure ad alto tasso glicemico.
Via libera invece alle proteine derivanti da pesce, uova, carni magre e molluschi.

• La seconda fase prevista dalla dieta Atkins è quella del Dimagrimento, con una perdita di peso che si aggira attorno ai 400-1400gr alla settimana: durante questa fase, che dura fino a quando mancano solo 5kg al peso forma, si devono reintegrare progressivamente i carboidrati, nella misura di 5gr al giorno. Quando si noterà un arresto del dimagrimento vuol dire che il “livello critico dei carboidrati”, necessario per perdere peso, è stato raggiunto: in questo caso bisogna fare marcia indietro ed eliminare i 5gr di carboidrati aggiunti. In questa fase sono ancora vietati il pane, i cereali e la pasta, mentre sono gradatamente concessi la frutta secca e frutta non zuccherina come frutti di bosco, fragole e melone.

• La terza fase prevista dalla dieta Atkins è quella del Pre-Mantenimento, finalizzata alla perdita degli ultimi chili in eccesso: ogni settimana si aggiungono 10gr di carboidrati, anche quelli provenienti da patate e altri tuberi, farine integrali, legumi e frutta zuccherina (tra cui ciliegie, mele, arance, pere, kiwi, fichi e prugne). In questa fase si possono perdere fino a 500gr a settimana.

• La quarta fase è quella del Mantenimento ed è quindi arrivato il momento di ripristinare un tipo di alimentazione più completa ed equilibrata, reintegrando totalmente i carboidrati e introducendo una regolare attività fisica. La quota di carboidrati ovviamente non è illimitata e non deve superare i 90gr circa al giorno: ad esempio un piatto di pasta di 100gr equivale a 76gr di carboidrati.

Le regole da seguire e le integrazioni

La fase più importante e più impegnativa della dieta Atkins è quella di Induzione. Secondo il dottor Robert Atkins, ci sono regole da seguire per attuare al meglio questa fase:

• consumare nell’arco della giornata 5 pasti piccoli o 3 più importanti

• non lesinare sui grassi sia di origine animale che vegetale esclusa la margarina

• consumare uova tutti i giorni, soprattutto a colazione

• non superare i 175gr di carne o pesce a pranzo o a cena e i 110gr di molluschi bivalvi

• tra i dolcificanti usare solamente stevia, xilitolo e saccarina

• eliminare frutta secca, legumi, cereali, formaggi e frutta

• bere almeno otto bicchieri da 250ml di acqua fresca ogni giorno

La dieta Atkins è però poverissima non solo di carboidrati ma anche di vitamine, fibre e minerali: per questo motivo è essenziale compensare questa mancanza con integratori multivitaminici, crusca, sali minerali, omega 3 e antiossidanti. Questi ultimi sono fondamentali in quanto questa dieta è talmente ricca di acidi grassi da aumentare il rischio di comparsa di radicali liberi: gli antiossidanti integrati impediscono lo stress ossidativo cellulare prevenendo l’invecchiamento precoce e la comparsa di malattie neurodegenerative.

Un menù tipo da seguire per tutti coloro che vogliono mettere alla prova l’efficacia della dieta Atkins è questo:

colazione con 2 uova strapazzate con pancetta e del tè verde

spuntino mattutino con un’insalatina a base di 90gr di radicchio rosso, 50gr di olive e 1 cucchiaino di olio evo

pranzo con pollo condito con 150gr di fagiolini o broccoli

spuntino pomeridiano con un ‘insalatina a base di parmigiano e 90gr di indivia

cena con un’orata al forno con 150gr di verdure a scelta tra melanzane, asparagi o ravanelli

Prodotti consigliati per risultati veloci e migliori

Sappiamo bene tutti che seguire una dieta è di per sé difficile. Allora a volte è il caso di “chiedere l’aiutino da casa” 🙂

In commercio per fortuna esistono prodotti efficaci che velocizzano il processo del dimagrimento e altri prodotti che rassodano il corpo. Per ottenere risultati migliori è consigliato comunque seguire una dieta, e aggiungere un integratore alimentare, e per quanto poco fare dell’attività fisica con degli semplici attrezzi da casa.

Tuttavia in alcuni casi questi prodotti si sono verificati efficaci anche senza dieta. Chiaramente i risultati sono sempre soggettivi. 

Ecco i consigli della redazione:

XLS Forte per Perdita Peso

  • 100% di origine naturale

  • Piano di perdita peso GRATIS

  • Clinicamente Testato

Rassoda ogni parte del corpo

  • Addominali 

  • Gambe e Braccia

  • Pettorali e Spalle

Pro e contro della dieta Atkins

La dieta Atkins, se seguita per un periodo di tempo limitato, apporta numerosi benefici, tra i quali aumentare il senso di sazietà grazie al rilascio dell’ormone colecistochina, aumenta il dispendio energetico grazie al notevole apporto proteico, stabilisce il livello degli zuccheri nel sangue e fa perdere peso. Detto questo sono molte le critiche mosse a questo regime dietetico considerato assolutamente squilibrato in quanto le tante proteine, a lungo andare, possono causare insonnia, osteoporosi (molte proteine portano l’orgnismo a eliminare con le urine il calcio) e danni al sistema cardiovascolare. La mancanza di fibre ricade sull’efficienza intestinale causando stipsi.
La mancanza di carboidrati, in particolare se si pratica attività sportiva, porta poi il corpo a produrre corpi chetonici comportando una maggiore acidità del sangue e conseguentemente affaticamento generale e cefalea.

ATTENZIONE: Le informazioni contenute in questo sito sono pubblicate a scopo esclusivamente informativo: non possono sostituirsi o integrare la diagnosi svolta dal medico. Tutte le informazioni non devono essere in alcun modo considerate come alternative alla diagnosi del medico curante, né tantomeno essere confuse e/o scambiate con la prescrizione di trattamenti e terapie. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Se si hanno dubbi o quesiti sull'uso di un farmaco è necessario contattare il proprio medico. I prodotti sono recensiti a scopo informativo: non è possibile in nessun modo garantire risultati certi, le possibilità di riuscita di qualsiasi trattamento variano da paziente a paziente. Leggi il Disclaimer.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *